“…E IO GLI CHIEDO I DANNI!” 01 – COME CAPIRE SE SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO

Comincia oggi la pubblicazione sul nostro sito di “…E IO GLI CHIEDO I DANNI!”, videocorso pratico per ottenere il risarcimento degli errori medico-sanitari.

Chi cerca risposte ai propri problemi vuole sentir parlare l’avvocato in modo competente ma comprensibile; e non ha bisogno di teorie astratte ma di soluzioni concrete.

Questo videocorso gratuito a puntate ha dunque un’impostazione del tutto pratica; chi lo seguirà se ne renderà presto conto.

Anzi, il consiglio che ti diamo è quello d’iscriverti al sito (o ai nostri feed) o di seguirci su twitter per non perderne nemmeno una.

E naturalmente aspettiamo anche le tue critiche, i tuoi suggerimenti, le tue proposte per nuovi temi.

Partiamo… dall’inizio: come capire se sei vittima di un errore medico.

Buona visione!

[youtube I88qBykuxes 640 360]


Ha quarant’anni, è sovrappeso e ha parecchi problemi di salute. Buon compleanno, divorzio.

Compie oggi quarant’anni.

Ma non è uno splendido quarantenne; è affaticato, sovrappeso e con parecchi problemi di salute.

E’ l’istituto del divorzio, introdotto appunto quarant’anni fa dalla gloriosa legge “Fortuna-Baslini”, la n.898 del primo dicembre 1970.

Una legge benemerita, che ha permesso di liberare centinaia di migliaia di persone da vite infelici prima senza sbocco; ma che soffre, nell’applicazione concreta di ogni giorno, le pesantezze di un sistema giudiziario al collasso, in cui le sofferenze e le aspettative del coniuge e ancor di più del genitore non possono trovare la giusta attenzione.

Leggo che un collega matrimonialista sta ultimando il suo libro “27 minuti”, il cui titolo evidenzia la durata media della (importantissima) prima udienza, nella quale il presidente pronuncia i primi incisivi provvedimenti sulla casa, i figli, gli assegni.

E’ un dato già triste; ma la nostra esperienza parla di medie addirittura inferiori, direi non superiori ai venti minuti; e in quel ristretto lasso di tempo si ascolta prima l’uno poi l’altro coniuge e infine si sentono entrambi insieme (avvocati compresi), con esclusione di qualsiasi possibilità di serio approfondimento e totale affidamento al fiuto e al buon senso del magistrato che ci è toccato in sorte (in genere si tratta di persone assai accorte e d’esperienza; ma non possono essere anche degl’indovini).

Mancano -come sempre, quando si parla della giustizia civile- i mezzi tecnici, le strutture di supporto, il personale… e in alcuni casi anche la volontà di far funzionare meglio il meccanismo.

Quanto alla legge in sé, (il cui anniversario non ci stancheremo di festeggiare come grande conquista di civiltà), non si può non notare come il meccanismo che regola la crisi del matrimonio sia decisamente datato e necessiti di una profonda revisione, come ha del resto ben evidenziato ancora oggi il collega Cesare Rimini.

E’ in particolare urgente, a mio giudizio, riconsiderare l’istituto della separazione, nel senso di abolirlo definitivamente (come inutile strascico di una relazione coniugale ormai esauritasi); o al massimo, renderlo facoltativo, esperibile nella sola ipotesi in cui entrambi i coniugi chiedano (davvero, in quel caso) un periodo di tempo in cui riflettere, vivendo lontani, sul loro matrimonio.

In quindici anni che seguo separazioni, per la verità, il numero totale di riconciliazioni di coppie già separate cui ho potuto assistere ammonta al glorioso ammontare di… una sola.


E  nel caso ve lo stiate domandando: dopo qualche anno, anch’essi si sono nuovamente separati.


Avete già controllato se i vostri prodotti FISHER PRICE e Mattel sono pericolosi?

Come forse già saprete, ci occupiamo attivamente del risarcimento danni alla persona; ma nessun risarcimento può valere quanto… il prevenire il danno.

Soprattutto quando si parla di bambini.

Ci sembra perciò utile richiamare l’attenzione di tutti sulla campagna internazionale di richiamo che un colosso dei giocattoli, la Mattel (proprietaria anche di Barbie, Fisher Price, HotWheels etc.)  ha avviato per milioni di suoi giocattoli (e altri prodotti) difettosi e pericolosi; ci sono automobiline, seggioloni etc.

Personalmente, apprezzo molto i loro prodotti e vedo nella campagna da loro avviata la conferma di una grande serietà.

Apprezzo meno il fatto che di tale campagna non vi sia traccia nella loro home page; e che per “scoprirla” si debba navigare prima su “servizio e informazioni”, poi su “servizio clienti” e poi ancora cliccare sulla minuscola scritta “Per informazioni sui prodotti recall, prego cliccare qui”.

Cosa sia un prodotto ‘recall’ (cioè un pezzo che il produttore ritiene difettoso e da far riparare o sostituire immediatamente) lo sanno davvero in pochi.

In quanti credete che cliccheranno quel link?

Voi però non dovrete fare molta fatica: vi basta cliccare questo link diretto.  E scoprire quali prodotti possano causare ferite e quali costituiscono “un rischio di soffocamento per i bambini più piccoli.

Altra cosa che non mi piace affatto: sulla pagina in questione non c’è traccia di un avviso (scritto in tutte le lingue) rilasciato dalle autorità canadesi (che invece campeggia sulla versione “international” del servizio consumatori Mattel) che avvisa del pericolo di morte per alcuni vecchi pupazzetti Fisher Price: <Health Canada ricorda ai genitori, nonni e operatori dell’infanzia che devono immediatamente gettare tutti i vecchi personaggi “Little People” Fisher-Price fabbricati prima del 1991, poiché questi giocattoli di vecchia fabbricazione, ma molto diffusi, presentano il rischio di lesioni gravi o morte.>

Per favore,

CONTROLLATE SUBITO E AGITE.

E ai link indicati leggetevi anche le campagne di richiamo precedenti (Barbie etc.).


Un corto di Sara Calanna in scena a “Donne d’amore” 2010

Donne d amore, la Rassegna di monologhi al femminile alla 2a edizione

Lunedì 11 ottobre 2010 verrà inaugurata  a Roma la II Edizione di “Donne d’Amore” – Rassegna di monologhi al femminile, che proseguirà dal 13 al 24 ottobre 2010 nella Sala Teatro Planet di Roma.

“Ho avuto il piacere di essere invitata in qualità di ospite ad una rassegna di monologhi al femminile.
Anche se il mio non è un monologo.
Una rassegna seria, che parla d’amore.
Anche se la mia piece è tutt’altro che seria.
Forse se ne accorgono.
Forse mi rimandano a casa.
In ogni caso, noi quattro (Rita, Elisa, Rossana ed io) ci siamo divertite davvero.
E speriamo vi possiate divertire anche voi, se verrete ad assistere  allo spettacolo.”

Sara Calanna


Multiproprietà” con Rita Pasqualoni, Rossana Bellizzi, Elisa Faggioni
testo e regia di Sara Calanna

Il 13 e il 22 ottobre 2010 – ore 21,00 – Sala Teatro Planet –Via Crema 14, 00182 Roma

INGRESSO LIBERO E GRATUITO!

La Rassegna è stata realizzata con il fondo assistenza e previdenza dei pittori e scultori,musicisti, scrittori ed autori drammatici dell’ENPALS , il patrocinio e sostegno del Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, la collaborazione della FALCRI SGSS e il patrocinio della Camera dei Deputati e della Regione Lazio.

(Per sapere come arrivare, sulla mappa cliccate su ‘percorsi’ e inserite il vostro indirizzo di partenza)

Ottieni i Percorsi



Uno spot per… la collaborazione tra genitori separati

Come avrete già capito, di separazioni e divorzi ci occupiamo quotidianamente.

Oggi vogliamo segnalarvi un piccolo spot che intende promuovere la bigenitorialità,

incoraggiando la collaborazione tra i genitori che si separano, nell’interesse dei figli.

Lo ha realizzato un’associazione di papà separati (ASSOCIAZIONE PAPA’ SEPARATI E FIGLI ONLUS);

non li conosciamo, ma lo spirito del loro video ci è piaciuto davvero.

Fateci sapere se piace anche a voi.

Bigenitorialità

[youtube wTHGF_FGDNs 480 385]






Nuovo spettacolo… TUTTI A TEATRO CON NOI!

LOCANDINA_OK-web-e-email
Comincia il nuovo anno… e abbiamo il piacere di annunciarvi l’imminente debutto del nostro spettacolo teatrale, che vi invitiamo a non lasciarvi sfuggire!

Anzi, per premiare i visitatori del nostro sito, abbiamo deciso di riservare a chi ci legge una speciale riduzione sul prezzo del biglietto d’ingresso (leggete più in basso), purché diciate al botteghino di essere utenti di www.spinozziecalanna.it!

Più sotto anche la trama…

IL PAPA IN SCENA A GENNAIO

Debutta a Roma “BEATO LUI!”, novità assoluta di Spinozzi & Calanna

con Pierre Bresolin, Tiziano Floreani e Roberto Zenca

regia di Sara Calanna


al Teatro Petrolini, sala Petrolini, Via Rubattino 5 Roma (zona Testaccio)

dal 12 al 31 gennaio 2010.

Spettacoli: dal martedì al sabato ore 21 – domenica ore 18

Biglietto: intero €12 RIDOTTO AD €8 PER LETTORI E UTENTI DI WWW.SPINOZZIECALANNA.IT

Botteghino: presso il teatro, 065757488 – consigliata prenotazione

GRUPPI:3273673025



Il papa è sparito dal Vaticano, e nessuno sa dove sia.

Nel frattempo quello che ha tutta l’aria di essere un alto personaggio in cerca di quiete s’insedia in una spoglia baita d’alta montagna, accudito da un’improbabile donna barbuta del luogo.
Ma un avventore misterioso giunge inaspettato a fargli visita…

Beato lui! è una commedia brillante, a tratti surreale, piacevolmente dissacrante. Adatto a tutte le età!
Protagonisti tre bravissimi attori, Pierre Bresolin, Tiziano Floreani e Roberto Zenca, diretti con maestria da Sara Calanna. Costumi di Anna Hurkmans.

Spinozzi & Calanna è il marchio artistico con cui si firmano Gioacchino Maria Spinozzi e Sara Calanna, autori e interpreti già premiati in rassegne nazionali di teatro.

Produzione: POVEROPIERO FILM & STAGE con G.M. Spinozzi

Il nome di ‘Skavalghen’ è di Mirella Spinozzi.

Per ulteriori informazioni contattateci attraverso il sito o inserendo un commento qui!

TRE MODI PER NON PAGARE L’AVVOCATO

Pochi lo sanno, ma esistono (almeno) tre modi per assicurarsi a costo zero (o almeno limitato) l’assistenza del proprio avvocato, garantendo comunque a quest’ultimo il pagamento delle spese e degli onorari.

Questo video vi spiega come fare… 😉

Aspettiamo i vostri commenti. Buona visione!

NB – Aggiornamento: alla luce delle intervenute modifiche legislative vi sono ora dubbi sulla praticabilità del patto di quota lite (il resto del discorso conserva la sua validità).